Lipe IV trimestre da inviare entro la data odierna (29.2.2024)

Lipe IV trimestre da inviare entro la data odierna (29.2.2024)
← Torna a News - Pubblicato il 29/02/2024
Il modulo di comunicazione delle liquidazioni periodiche IVA deve essere inviato da imprese e professionisti su base trimestrale, entro l’ultimo giorno del secondo mese successivo alla fine di ogni trimestre solare, come stabilito dall’articolo 21-bis, comma 1, D.L. 78/2010.

La comunicazione per il quarto trimestre 2023 deve essere inviata entro oggi (29.2.2024). La frequenza di invio è la stessa sia per coloro che liquidano l’IVA mensilmente, sia per coloro che liquidano l’IVA trimestralmente, a seguito di una specifica opzione (articolo 7, D.P.R. 542/1999) o per disposizione normativa (articolo 73, comma 1, lettera e), D.P.R. 633/1972, e articolo 74, comma 4, D.P.R. 633/1972).

Se la data di invio naturale cade di sabato o in un giorno festivo, l’obbligo viene posticipato al primo giorno lavorativo successivo; questo non si applica alla data odierna (29.2.2024), che è un giovedì.

La tempestività della trasmissione della comunicazione è dimostrata dalla ricevuta di presentazione telematica fornita dall’Agenzia delle Entrate. Le comunicazioni inviate nei termini, ma rifiutate dal servizio telematico, sono considerate tempestive se vengono ritrasmesse entro 5 giorni dalla data di comunicazione del rifiuto.

Se vengono presentate più comunicazioni per lo stesso trimestre, l’ultimo file trasmesso ha rilevanza e sostituisce i precedenti. Inoltre, il sistema telematico accetta eventuali comunicazioni inviate dopo la prima, per correggere errori o omissioni, anche oltre il termine di scadenza ordinario. La regola generale è che la comunicazione successiva sostituisce quelle precedentemente inviate.

La preparazione e l’invio della comunicazione del quarto trimestre può essere evitata, presentando la stessa nel modello di dichiarazione IVA annuale entro lo stesso termine di invio. Pertanto, se il modello IVA 2024 viene presentato entro oggi (29.2.2024), non è necessario presentare separatamente la comunicazione relativa al quarto trimestre 2023.

Non è necessario inviare la comunicazione se non ci sono dati da indicare per il trimestre nel quadro VP (ad esempio, contribuenti che nel periodo di riferimento non hanno effettuato alcuna operazione, né attiva né passiva). L’obbligo sussiste se è necessario evidenziare il riporto di un credito dal trimestre precedente. Pertanto, se dal terzo trimestre 2023 non emergono crediti da riportare, e non ci sono altri dati da indicare nel quadro VP, il contribuente è esentato dalla presentazione della comunicazione relativa al quarto trimestre 2023.

Sono esentati dalla presentazione delle comunicazioni delle liquidazioni periodiche IVA, i soggetti passivi non obbligati alla presentazione della dichiarazione annuale IVA o alla effettuazione delle liquidazioni periodiche, a condizione che, nel corso dell’anno, non vengano meno le predette condizioni di esonero. In particolare, l’esonero si applica a:

– i soggetti che, nel periodo d’imposta, non hanno effettuato alcuna operazione, né dal lato attivo né dal lato passivo;
– i soggetti che, nel periodo d’imposta, hanno effettuato esclusivamente operazioni esenti ai sensi dell’articolo 10 D.P.R. 633/1972 (con esclusione di quelle indicate ai numero 11, 18 e 19 dell’articolo medesimo), se hanno optato per la dispensa dagli adempimenti, ai sensi dell’articolo 36-bis, D.P.R. 633/1972 (circolare n. 19/363378/1979);
– i soggetti che hanno aderito al regime di vantaggio per l’imprenditoria giovanile, di cui all’articolo 27, commi 1 e 2, D.L. 98/2011;
– i soggetti che hanno aderito al regime forfettario, di cui all’articolo 1, commi 54 – 89, L. 190/2014;
– i produttori agricoli che applicano il regime IVA speciale, di cui all’articolo 34, comma 6, D.P.R. 633/1972.

Per ricevere maggiori informazioni su questa notizia, compila il modulo sottostante



    Con l'invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati unicamente per la richiesta in oggetto. Consenso esplicito secondo il GDPR 679-2016.

    Altri articoli

    NEWS | 11 Giugno 2024

    Versamenti derivanti dalla dichiarazione dei redditi relativi al 2023: Scadenze, Slittamento e Rateazioni

    Aumento del tetto contante a 2.000 euro per il 2022. Proroga al 30 giugno del regime semplificato autorizzativo per l’occupazione di suolo pubblico.

    di Studio GV Consulting
    NEWS | 10 Marzo 2024

    Proroga versamento rate rottamazione

    Aumento del tetto contante a 2.000 euro per il 2022. Proroga al 30 giugno del regime semplificato autorizzativo per l’occupazione di suolo pubblico.

    di Studio GV Consulting
    NEWS | 7 Marzo 2024

    Compensazione orizzontale: vincoli e limiti nell’utilizzo di crediti tributari

    Aumento del tetto contante a 2.000 euro per il 2022. Proroga al 30 giugno del regime semplificato autorizzativo per l’occupazione di suolo pubblico.

    di Studio GV Consulting
    NEWS | 9 Novembre 2023

    Opzione di proroga al 16.01.2024 del pagamento del II acconto delle Imposte dirette

    Aumento del tetto contante a 2.000 euro per il 2022. Proroga al 30 giugno del regime semplificato autorizzativo per l’occupazione di suolo pubblico.

    di Studio GV Consulting
    NEWS | 6 Settembre 2023

    In arrivo TRANSIZIONE 5.0

    Aumento del tetto contante a 2.000 euro per il 2022. Proroga al 30 giugno del regime semplificato autorizzativo per l’occupazione di suolo pubblico.

    di Studio GV Consulting
    Condividi sui social