ULTIMI GIORNI per non perdere il Credito di Imposta Energia

ULTIMI GIORNI per non perdere il Credito di Imposta Energia
← Torna a Agevolazioni - Pubblicato il 02/03/2023
ANTEPRIMA NOTIZIA
Coloro che hanno diritto ai crediti d’imposta per energia e gas devono affrettarsi per non perdere il diritto a questa agevolazione. Rimangono solo 13 giorni per compiere tutto l’iter.

 

 

NOTIZIA

SOGGETTI INTERESSATI
Il testo riguarda i crediti d’imposta maturati nel 2022 per l’acquisto di prodotti energetici e elenca i beneficiari del credito d’imposta. Questi includono le imprese a forte consumo di energia elettrica e gas naturale, nonché le imprese dotate di contatori di energia elettrica di potenza disponibile pari o superiore a 4,5 kW. Il credito d’imposta sarà concesso se il prezzo dell’energia elettrica o del gas naturale, calcolato sulla base della media del terzo trimestre del 2022 e al netto delle imposte e degli eventuali sussidi, ha subito un incremento del costo per kWh superiore al 30% rispetto al corrispondente prezzo medio del medesimo trimestre dell’anno 2019.

COSA FARE?
I soggetti beneficiari dei crediti d’imposta indicati di seguito devono comunicare alla Pubblica Amministrazione, entro il 16 marzo 2023, l’importo del credito maturato nel 2022. La mancata comunicazione entro tale data comporta la decadenza dal diritto di utilizzare il credito residuo.
La comunicazione deve essere inviata solo una volta per ogni credito d’imposta e non deve essere inviata se il credito è già stato utilizzato in compensazione o se il credito è stato ceduto. Il mancato invio della comunicazione impedisce l’utilizzo del credito a partire dal 17 marzo 2023. L’utilizzo dei crediti in compensazione deve essere effettuato entro il 30 giugno 2023.
IN CHE CONSISTE IL CREDITO?
La legge fornisce un contributo straordinario sotto forma di credito d’imposta alle imprese che hanno subito un aumento dei costi dell’energia elettrica o del gas naturale nel terzo trimestre del 2022, rispetto allo stesso periodo del 2019. Alle imprese con alto consumo di energia elettrica è riconosciuto un credito d’imposta del 40% delle spese sostenute per la componente energetica acquistata e utilizzata nei mesi di ottobre, novembre e dicembre 2022. Anche alle imprese che autoconsumano l’energia elettrica prodotta viene concesso lo stesso credito d’imposta. Le imprese con alto consumo di gas naturale riceveranno un credito d’imposta del 40% della spesa sostenuta per l’acquisto del gas naturale consumato per usi energetici diversi dagli usi termoelettrici nei mesi di ottobre, novembre e dicembre 2022, se il prezzo di riferimento del gas naturale ha subito un aumento superiore al 30%. Le imprese con contatori di energia elettrica di potenza pari o superiore a 4,5 kW, ma diverse da quelle ad alto consumo di energia elettrica, riceveranno un credito d’imposta del 30% delle spese sostenute per l’acquisto della componente energetica utilizzata nei mesi di ottobre, novembre e dicembre 2022, se il prezzo della stessa è aumentato di oltre il 30% rispetto allo stesso

Per ricevere maggiori informazioni su questa notizia, compila il modulo sottostante



    Con l'invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati unicamente per la richiesta in oggetto. Consenso esplicito secondo il GDPR 679-2016.

    Altri articoli

    AGEVOLAZIONI | 5 Giugno 2024

    Transizione 5.0: Torna il Bonus Formazione per i Dipendenti nel 2024 e 2025

    Accesso più semplice fino al 31 dicembre alla sospensione. Grazie alla riattivazione della disciplina derogatoria ad opera del decreto Sostegni bis...

    di Studio GV Consulting
    AGEVOLAZIONI | 20 Giugno 2023

    Rottamazione Quater: Invito alla manifestazione di interesse da parte dei Clienti

    Accesso più semplice fino al 31 dicembre alla sospensione. Grazie alla riattivazione della disciplina derogatoria ad opera del decreto Sostegni bis...

    di Studio GV Consulting
    AGEVOLAZIONI | 20 Aprile 2023

    Rottamazione Quater: Invito alla manifestazione di interesse da parte dei Clienti

    Accesso più semplice fino al 31 dicembre alla sospensione. Grazie alla riattivazione della disciplina derogatoria ad opera del decreto Sostegni bis...

    di Studio GV Consulting
    AGEVOLAZIONI | 9 Marzo 2023

    Welfare aziendale o Fringe benefit: cosa conveniente di più alle aziende con dipendenti?

    Accesso più semplice fino al 31 dicembre alla sospensione. Grazie alla riattivazione della disciplina derogatoria ad opera del decreto Sostegni bis...

    di Studio GV Consulting
    AGEVOLAZIONI | 9 Marzo 2023

    Aiuti da Simest alle imprese esportatrici colpite dalla crisi Ucraina

    Accesso più semplice fino al 31 dicembre alla sospensione. Grazie alla riattivazione della disciplina derogatoria ad opera del decreto Sostegni bis...

    di Studio GV Consulting
    Condividi sui social