LEGGE DI BILANCIO 2023: Stralcio delle cartella esattoriali fino a 1.000 euro

LEGGE DI BILANCIO 2023: Stralcio delle cartella esattoriali fino a 1.000 euro
← Torna a News - Pubblicato il 05/01/2023
ANTEPRIMA NOTIZIA
Previsto l’annullamento automatico dei debiti tributari fino a mille euro (comprensivo di capitale, interessi e sanzioni) risultanti dai singoli carichi affidati agli agenti della riscossione dal 1° gennaio 2000 al 31 dicembre 2015.
Per i carichi fino a 1.000 euro affidati agli agenti della riscossione da enti diversi dalle amministrazioni statali, dalle agenzie fiscali e dagli enti pubblici previdenziali, l’annullamento automatico opera limitatamente alle somme dovute a titolo di interessi per ritardata iscrizione a ruolo, di sanzioni e di interessi di mora. A tali enti è tuttavia riconosciuta anche la possibilità di non applicare completamente le disposizioni relative all’annullamento automatico.
Viene introdotta, altresì, una specifica disciplina dell’annullamento automatico per le altre sanzioni amministrative incluse quelle per violazioni del Codice della strada diverse da quelle irrogate per violazioni tributarie o per violazione degli obblighi relativi ai contributi e ai premi dovuti agli enti previdenziali.

NOTIZIA
Lo stralcio automatico riguarderà totalmente solo i debiti verso le amministrazioni statali, le agenzie fiscali e gli enti pubblici previdenziali. Per gli altri carichi, lo stralcio interesserà solo interessi da ritardata iscrizione a ruolo, sanzioni e interessi di mora.
La data in cui si procederà all’annullamento è il 31 Marzo 2023.
Alcuni casistiche sono escluse e sono:
– le somme dovute a titolo di recupero di aiuti di Stato dichiarati illegali, i crediti derivanti da pronunce di condanna della Corte dei Conti e le multe, le ammende e le sanzioni pecuniarie dovute a seguito di provvedimenti e sentenze penali di condanna;
– le risorse proprie tradizionali dell’Unione europea, vale a dire, i dazi e i diritti doganali e i contributi provenienti dall’imposizione di diritti alla produzione dello zucchero; – l’IVA riscossa all’importazione.
Inoltre, viene previsto che:
– restano definitivamente acquisite le somme versate anteriormente alla data dell’annullamento;
– dalla data di entrata in vigore della legge di bilancio (1° gennaio 2023) e fino alla data dell’annullamento, è sospesa la riscossione dei debiti interessati dallo stralcio;
Comunque, gli enti creditori (diversi dallo “Stato”) possono decidere di non applicare le disposizioni restrittive appena descritte, con un apposito provvedimento emanato entro il 31 gennaio 2023 avvalendosi delle forme previste dalla legislazione vigente per l’adozione dei propri atti che va comunicato, entro la medesima data, all’agente della riscossione.

 

Ne parleremo nel Webinar del 31 Gennaio 2023 ore 11.30. Per iscriversi compilare il form qui sottostante

Per ricevere maggiori informazioni su questa notizia, compila il modulo sottostante



    Con l'invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati unicamente per la richiesta in oggetto. Consenso esplicito secondo il GDPR 679-2016.

    Altri articoli

    NEWS | 11 Giugno 2024

    Versamenti derivanti dalla dichiarazione dei redditi relativi al 2023: Scadenze, Slittamento e Rateazioni

    Aumento del tetto contante a 2.000 euro per il 2022. Proroga al 30 giugno del regime semplificato autorizzativo per l’occupazione di suolo pubblico.

    di Studio GV Consulting
    NEWS | 10 Marzo 2024

    Proroga versamento rate rottamazione

    Aumento del tetto contante a 2.000 euro per il 2022. Proroga al 30 giugno del regime semplificato autorizzativo per l’occupazione di suolo pubblico.

    di Studio GV Consulting
    NEWS | 7 Marzo 2024

    Compensazione orizzontale: vincoli e limiti nell’utilizzo di crediti tributari

    Aumento del tetto contante a 2.000 euro per il 2022. Proroga al 30 giugno del regime semplificato autorizzativo per l’occupazione di suolo pubblico.

    di Studio GV Consulting
    NEWS | 29 Febbraio 2024

    Lipe IV trimestre da inviare entro la data odierna (29.2.2024)

    Aumento del tetto contante a 2.000 euro per il 2022. Proroga al 30 giugno del regime semplificato autorizzativo per l’occupazione di suolo pubblico.

    di Studio GV Consulting
    NEWS | 9 Novembre 2023

    Opzione di proroga al 16.01.2024 del pagamento del II acconto delle Imposte dirette

    Aumento del tetto contante a 2.000 euro per il 2022. Proroga al 30 giugno del regime semplificato autorizzativo per l’occupazione di suolo pubblico.

    di Studio GV Consulting
    Condividi sui social