Fattura Elettronica dal 1 Luglio per Forfettari e non solo

Fattura Elettronica dal 1 Luglio per Forfettari e non solo
← Torna a News - Pubblicato il 24/06/2022
ANTEPRIMA NOTIZIA
Con un decreto si estende gli obblighi di fatturazione elettronica:
l’adempimento coinvolgerà (a partire dal 1° luglio 2022 con una serie di eccezioni e dal 1° gennaio 2024 definitivamente per tutti) anche i contribuenti che esercitano la loro attività in regimi fiscali di favore.

 

NOTIZIA

A partire dal 1° luglio 2022 è previsto un allargamento della platea dei soggetti titolari di partita IVA obbligati a emettere fattura elettronica. Anche i contribuenti finora esclusi, non senza le dovute eccezioni, saranno tenuti alle modalità dematerializzate di emissione di fattura introdotte il 1° gennaio 2019.
In buona sostanza, i soggetti tenuti dal 1° luglio 2022 ad emettere le proprie fatture in formato XML e conseguentemente ad inviarle al Sistema di Interscambio dell’Agenzia delle Entrate (SdI), sono:
– i soggetti in regime di vantaggio;
– i contribuenti in regime forfetario;
– le associazioni che hanno esercitato la relativa opzione e che nel periodo di imposta precedente hanno ottenuto, dall’esercizio di attività commerciali, proventi per un importo non superiore a euro 65.000.
Le deroghe e le eccezioni transitorie all’estensione dell’obbligo
La norma prevede un’importante eccezione di natura transitoria, funzionale a rendere il passaggio meno brusco per i contribuenti con volumi di affari meno elevati; si statuisce che il nuovo obbligo di fatturazione elettronica debba valere solo per coloro che nell’anno precedente abbiano ottenuto ricavi o compensi (da ragguagliare all’anno) superiori a 25.000 euro.
Sempre ai fini di una maggiore progressività nell’introduzione di detto allargamento, le sanzioni, per tutto il terzo trimestre 2022 e unicamente per i neo obbligati, non troveranno applicazione se la fattura elettronica è emessa entro il mese successivo a quello di effettuazione dell’operazione. Si tratta di un’estensione del termine ordinario di 12 giorni. Allo stato attuale l’effettiva generalizzazione dell’obbligo si avrà solo dal 1° gennaio 2024, a partire da tale momento ogni considerazione sull’ammontare del fatturato verrà abbandonata.
Continuano a rimanere escluse dalle nuove previsioni fin qui descritte due categorie di contribuenti titolari di partita iva, nel dettaglio:
– gli operatori del settore sanitario che, per i noti vincoli in materia di privacy posti dal Garante, non possono emettere fattura elettronica per le prestazioni professionali i cui dati sono da inviare al Sistema tessera sanitaria;
– i piccoli produttori agricoli: in questo caso, l’esclusione riguarda l’obbligo di fatturazione in generale.
Al riguardo, è plausibile ritenere che possa trattarsi di esclusioni di natura non provvisoria suscettibili di tener conto delle specialità dei due settori e già considerate dalla normativa tributaria in via generale
Lo Studio compirà una disanima delle casistiche ma è FONDAMENTALE la collaborazione e la auto segnalazione dei soggetti che si sentono coinvolti, contattandoci.

Per ricevere maggiori informazioni su questa notizia, compila il modulo sottostante



    Con l'invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati unicamente per la richiesta in oggetto. Consenso esplicito secondo il GDPR 679-2016.

    Altri articoli

    NEWS | 11 Giugno 2024

    Versamenti derivanti dalla dichiarazione dei redditi relativi al 2023: Scadenze, Slittamento e Rateazioni

    Aumento del tetto contante a 2.000 euro per il 2022. Proroga al 30 giugno del regime semplificato autorizzativo per l’occupazione di suolo pubblico.

    di Studio GV Consulting
    NEWS | 10 Marzo 2024

    Proroga versamento rate rottamazione

    Aumento del tetto contante a 2.000 euro per il 2022. Proroga al 30 giugno del regime semplificato autorizzativo per l’occupazione di suolo pubblico.

    di Studio GV Consulting
    NEWS | 7 Marzo 2024

    Compensazione orizzontale: vincoli e limiti nell’utilizzo di crediti tributari

    Aumento del tetto contante a 2.000 euro per il 2022. Proroga al 30 giugno del regime semplificato autorizzativo per l’occupazione di suolo pubblico.

    di Studio GV Consulting
    NEWS | 29 Febbraio 2024

    Lipe IV trimestre da inviare entro la data odierna (29.2.2024)

    Aumento del tetto contante a 2.000 euro per il 2022. Proroga al 30 giugno del regime semplificato autorizzativo per l’occupazione di suolo pubblico.

    di Studio GV Consulting
    NEWS | 9 Novembre 2023

    Opzione di proroga al 16.01.2024 del pagamento del II acconto delle Imposte dirette

    Aumento del tetto contante a 2.000 euro per il 2022. Proroga al 30 giugno del regime semplificato autorizzativo per l’occupazione di suolo pubblico.

    di Studio GV Consulting
    Condividi sui social