Bonus Giardini nel 2022

Bonus Giardini nel 2022
← Torna a Agevolazioni - Pubblicato il 07/02/2022
NOTIZIA
Per la sistemazione di giardini, terrazzi, di impianti di irrigazione e realizzazione pozzi è possibile fruire del bonus verde. La detrazione va calcolata su un importo massimo di 5.000 euro per unità immobiliare a uso abitativo ed è fruibile esclusivamente in dichiarazione dei redditi, in 10 quote annuali di pari importo. Quanto si risparmia?

 

ANTEPRIMA NOTIZIA
Chi?
Il bonus verde spetta ai contribuenti assoggettati all’Irpef che possiedono o detengono, sulla base di un titolo idoneo, l’immobile sul quale sono effettuati gli interventi e hanno sostenuto le relative spese. Ammessi anche i familiari conviventi dei possessori o detentori.
Oltre che dai proprietari, la detrazione può essere fruita anche da:
– nudi proprietari;
– titolari di un diritto reale di godimento sull’immobile oggetto di intervento (usufrutto, uso, abitazione o superficie);
– locatari (affittuari) o comodatari.
Cosa?
Il bonus verde è riconosciuto per le spese sostenute per:
– la sistemazione a verde di aree scoperte private di edifici esistenti, unità immobiliari, pertinenze o recinzioni;
– l’installazione o il rifacimento di impianti di irrigazione;
– la realizzazione di pozzi;
– la realizzazione di coperture a verde;
– la realizzazione di giardini pensili.
Rientrano nella detrazione anche le spese di progettazione e manutenzione connesse all’esecuzione dei lavori.
È possibile fruire della detrazione sole per le opere che si inseriscono in un intervento relativo all’intero giardino o area interessata, consistente nella sistemazione a verde ex novo o nel radicale rinnovamento dell’esistente.
Attenzione
La detrazione non spetta, invece, per le spese sostenute per:
– la manutenzione ordinaria periodica dei giardini preesistenti non connessa ad un intervento innovativo o modificativo nei termini sopra indicati;
– i lavori in economia.
Ai fini della detrazione, il pagamento delle spese deve avvenire attraverso strumenti che ne consentano la tracciabilità (per esempio, bonifico bancario o postale).
Come?
La detrazione spetta nella misura del 36% delle spese sostenute e va calcolata su un importo massimo di 5.000 euro per ogni singola unità immobiliare residenziale oggetto di intervento. Nel caso quindi si eseguono gli interventi su più unità immobiliari il diritto alla detrazione è riconosciuto più volte.
Per gli interventi di sistemazione a verde eseguiti sulle le parti comuni esterne degli edifici condominiali, il limite di spesa è di 5.000 euro per unità immobiliare e lo sconto compete al singolo condomino nel limite della quota a lui imputabile, a condizione che la stessa sia stata effettivamente versata al condominio entro i termini di presentazione della dichiarazione dei redditi.
Nel caso di interventi di sistemazione a verde eseguiti sia sulla singola unità immobiliare che sulle parti comuni di edifici condominiali, il diritto alla detrazione spetta su due distinti limiti di spesa agevolabile di 5.000 euro ciascuno.
Attenzione
Il beneficio spettante è ridotto al 50% se gli interventi di sistemazione a verde e di realizzazione di coperture a verde e di giardini pensili sono realizzati su unità immobiliari residenziali adibite promiscuamente all’esercizio dell’arte o della professione, ovvero all’esercizio dell’attività commerciale.
La detrazione è cumulabile con le agevolazioni già previste sugli immobili oggetto di vincolo da parte del Codice dei beni culturali e del paesaggio ridotte nella misura del 50%.

Quando?
Il bonus è fruibile sotto forma di detrazione d’imposta, in dichiarazione dei redditi, e va ripartita in 10 quote annuali costanti tra gli aventi diritto.
Non è consentito:
– lo sconto in fattura;
– la cessione del credito.
In caso di vendita dell’unità immobiliare sulla quale sono stati realizzati gli interventi, la detrazione non utilizzata in tutto o in parte è trasferita, per i rimanenti periodi di imposta, salvo diverso accordo delle parti, all’acquirente persona fisica dell’unità immobiliare.
In caso di decesso dell’avente diritto, la fruizione del beneficio fiscale si trasmette, per intero, esclusivamente all’erede che conserva la detenzione materiale e diretta del bene.
Calcolo del risparmio
CASO 1: SPESA < DI 5.000 EURO
Risparmio %
Si ipotizzi che il Signor Rossi nel corso del 2022 effettui interventi di sistemazione a verde per un totale di 3.400 euro.
Il bonus verde spettante è pari a € 1.224 (3.400×36%), da ripartire in 10 anni.
Spesa sostenuta Detrazione spettante % di risparmio
3.400 1.224 36%
CASO 2: SPESA > DI 5.000 EURO
Risparmio %
Si ipotizzi che il Signor Bianchi nel corso del 2022 effettui interventi di sistemazione a verde per un totale di 6.200 euro.
Poiché la detrazione deve essere calcolata su un importo complessivo non superiore a 5.000 euro, il bonus verde spettante è pari a euro 1.800 (5.000×36%), da ripartire in 10 anni.
Spesa sostenuta Detrazione spettante % di risparmio
6.200 1.800 29,03%
CASO 3: INTERVENTI IN CONDOMINIO E ABITAZIONE PRIVATA
Risparmio %
Si ipotizzi che il Signor Verdi abiti in un condominio e nel 2022 siano effettuati interventi di sistemazione a verde sia dell’area condominiale sia nel giardino di proprietà.
In relazione agli interventi condominiali, la quota di spesa del Signor Verdi è pari a 7.100 euro, mentre la spesa sostenuta per i lavori realizzati nel giardino di proprietà esclusiva è pari a 2.800 euro.
Il Signor Sempronio può beneficiare di un bonus verde per i lavori sull’area verde condominiale e di un altro bonus verde per i lavori effettuati nel giardino di proprietà.
In particolare:
– per i lavori condominiali, poiché la detrazione compete nel limite massimo di spesa di 5.000 euro, il bonus verde spettante è pari ad euro 1.800 (5.000×36%);
– per i lavori effettuati nel giardino di proprietà, il bonus verde spettante è pari ad euro 1.008 (2.800x 36%);
La detrazione totale spettante al Signor Sempronio è di euro 2.808 (1.800+1.008), da ripartire in 10 anni.
Spesa sostenuta Detrazione spettante % di risparmio
Quota per i lavori condominiali: 7.100 1.800
Spesa sostenuta per i lavori effettuati nel giardino di proprietà: 2.800 1.008
Totale: 9.900 Totale: 2.808 28,36%

Per ricevere maggiori informazioni su questa notizia, compila il modulo sottostante



    Con l'invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati unicamente per la richiesta in oggetto. Consenso esplicito secondo il GDPR 679-2016.

    Altri articoli

    AGEVOLAZIONI | 5 Giugno 2024

    Transizione 5.0: Torna il Bonus Formazione per i Dipendenti nel 2024 e 2025

    Accesso più semplice fino al 31 dicembre alla sospensione. Grazie alla riattivazione della disciplina derogatoria ad opera del decreto Sostegni bis...

    di Studio GV Consulting
    AGEVOLAZIONI | 20 Giugno 2023

    Rottamazione Quater: Invito alla manifestazione di interesse da parte dei Clienti

    Accesso più semplice fino al 31 dicembre alla sospensione. Grazie alla riattivazione della disciplina derogatoria ad opera del decreto Sostegni bis...

    di Studio GV Consulting
    AGEVOLAZIONI | 20 Aprile 2023

    Rottamazione Quater: Invito alla manifestazione di interesse da parte dei Clienti

    Accesso più semplice fino al 31 dicembre alla sospensione. Grazie alla riattivazione della disciplina derogatoria ad opera del decreto Sostegni bis...

    di Studio GV Consulting
    AGEVOLAZIONI | 9 Marzo 2023

    Welfare aziendale o Fringe benefit: cosa conveniente di più alle aziende con dipendenti?

    Accesso più semplice fino al 31 dicembre alla sospensione. Grazie alla riattivazione della disciplina derogatoria ad opera del decreto Sostegni bis...

    di Studio GV Consulting
    AGEVOLAZIONI | 9 Marzo 2023

    Aiuti da Simest alle imprese esportatrici colpite dalla crisi Ucraina

    Accesso più semplice fino al 31 dicembre alla sospensione. Grazie alla riattivazione della disciplina derogatoria ad opera del decreto Sostegni bis...

    di Studio GV Consulting
    Condividi sui social