Proroga “tasse” al 15 settembre

Proroga “tasse” al 15 settembre
← Torna a News - Pubblicato il 06/08/2021
ANTEPRIMA NOTIZIA
L’Agenzia delle entrate ha illustrato ieri le modalità di versamento delle somme emergenti dalle dichiarazioni annuali a seguito della proroga al 15 settembre.
Possono beneficiare della proroga tutti i contribuenti che, contestualmente:
• esercitano, in forma di impresa o di lavoro autonomo, attività economiche per le quali sono stati approvati gli Isa, a prescindere dal fatto che li applichino o meno;
• dichiarano ricavi o compensi di ammontare non superiore a 5.164.569,00 euro.

 

NOTIZIA
La proroga al 15 settembre si applica quindi anche ai contribuenti che, per il periodo di imposta in corso al 31 dicembre 2020:
• applicano il regime forfettario;
• applicano il regime fiscale dei c.d. “minimi”;
• determinano il reddito con altre tipologie di criteri forfetari;
• ricadono nelle altre cause di esclusione dagli Isa;
• partecipano a società, associazioni e imprese aventi i requisiti prima richiamati.
Tutto quanto appena premesso, l’Agenzia delle entrate, in considerazione della formulazione normativa, ha dunque richiamato i seguenti termini di versamento:
• entro il 15 settembre 2021 tutti i contribuenti che beneficiano della proroga (titolari o non titolari di partita Iva) possono versare gli importi in unica soluzione;
• nel caso di versamento rateizzato, se il contribuente è titolare di partita Iva, deve versare la prima rata entro il 15 settembre, e, il giorno dopo (16 settembre), la seconda, con versamento delle successive entro il 18 ottobre e il 16 novembre. Se il contribuente, invece, non è titolare di partita Iva (purché socio di società) la seconda rata è più “distante” dalla prima, essendo fissata, nel rispetto delle regole generali, al 30 settembre, con versamento delle successive entro il 2 novembre e il 30 novembre.
Non è possibile differire il versamento in scadenza il 15 settembre 2021 di ulteriori 30 giorni con la maggiorazione dello 0,40% a titolo di interesse corrispettivo.
Riassumendo le scadenze:

  • TITOLARI DI PARTITA IVA
    • Rata 1 – scadenza 15 settembre
    • Rata 2 – scadenza 16 settembre
    • Rata 3 – scadenza 18 ottobre
    • Rata 4 – scadenza 16 novembre
  • NON TITOLARI DI PARTITA VIA
    • Rata 1 – scadenza 15 settembre
    • Rata 2 – scadenza 30 settembre
    • Rata 3 – scadenza 2 novembre
    • Rata 4 – scadenza 30 novembre

Un soggetto, tuttavia, potrebbe aver già iniziato a versare le rate, nel rispetto dei piani di rateazione previsti prima della proroga in esame.
In tal caso:
• tutte le rate in scadenza nel periodo 30 giugno-31 agosto 2021 possono considerarsi scadenti il 15 settembre 2021, senza applicazione di interessi.
• Sulle rate aventi scadenza successiva al 15 settembre 2021 sono dovuti gli interessi al tasso del 4% annuo, a decorrere dal 16 settembre 2021.
Eventuali interessi di rateazione già versati, non più dovuti per effetto della proroga, possono essere scomputati dagli interessi dovuti sulle rate successive.
La risoluzione riconosce poi ai contribuenti la possibilità di effettuare versamenti “liberi” (ovvero senza avvalersi di alcun piano di rateazione) entro il 15 settembre, versando la differenza a saldo:
• in un’unica soluzione entro la stessa data del 15 settembre
• in un massimo di quattro rate, con scadenza della prima il 15 settembre e con applicazione degli interessi a partire dalla rata successiva alla prima.

Per ricevere maggiori informazioni su questa notizia, compila il modulo sottostante



    Con l'invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati unicamente per la richiesta in oggetto. Consenso esplicito secondo il GDPR 679-2016.

    Altri articoli

    NEWS | 11 Giugno 2024

    Versamenti derivanti dalla dichiarazione dei redditi relativi al 2023: Scadenze, Slittamento e Rateazioni

    Aumento del tetto contante a 2.000 euro per il 2022. Proroga al 30 giugno del regime semplificato autorizzativo per l’occupazione di suolo pubblico.

    di Studio GV Consulting
    NEWS | 10 Marzo 2024

    Proroga versamento rate rottamazione

    Aumento del tetto contante a 2.000 euro per il 2022. Proroga al 30 giugno del regime semplificato autorizzativo per l’occupazione di suolo pubblico.

    di Studio GV Consulting
    NEWS | 7 Marzo 2024

    Compensazione orizzontale: vincoli e limiti nell’utilizzo di crediti tributari

    Aumento del tetto contante a 2.000 euro per il 2022. Proroga al 30 giugno del regime semplificato autorizzativo per l’occupazione di suolo pubblico.

    di Studio GV Consulting
    NEWS | 29 Febbraio 2024

    Lipe IV trimestre da inviare entro la data odierna (29.2.2024)

    Aumento del tetto contante a 2.000 euro per il 2022. Proroga al 30 giugno del regime semplificato autorizzativo per l’occupazione di suolo pubblico.

    di Studio GV Consulting
    NEWS | 9 Novembre 2023

    Opzione di proroga al 16.01.2024 del pagamento del II acconto delle Imposte dirette

    Aumento del tetto contante a 2.000 euro per il 2022. Proroga al 30 giugno del regime semplificato autorizzativo per l’occupazione di suolo pubblico.

    di Studio GV Consulting
    Condividi sui social