Credito d’imposta alta formazione

Credito d’imposta alta formazione
← Torna a Agevolazioni - Pubblicato il 26/07/2021
ANTEPRIMA NOTIZIA

E’ stato previsto un credito d’imposta a favore di tutte le imprese, indipendentemente dalla forma giuridica, dalla dimensione aziendale e dal settore economico in cui operano, per attività di formazione professionale di alto livello. Il bonus è riconosciuto in misura pari al 25% delle spese sostenute dalle imprese, fino all’importo massimo di 30.000 euro per ciascuna impresa beneficiaria, relative al costo aziendale del dipendente per il periodo in cui è occupato nelle attività di formazione attraverso corsi di specializzazione e di perfezionamento di durata non inferiore a sei mesi, svolti in Italia o all’estero, in Italia o all’estero negli ambiti legati alle tecnologie 4.0.

 

NOTIZIA

Al fine di sostenere l’acquisizione delle competenze legate al piano nazionale Industria 4.0, nasce il bonus per la formazione professionale di alto livello dei dipendenti.

Nuovo bonus per l’alta formazione

L’agevolazione consiste in un credito d’imposta pari al 25% per le imprese che sostengono spese fino a 30.000 euro, nel periodo d’imposta successivo a quello in corso al 31 dicembre 2020, relativamente al costo aziendale del dipendente per il periodo in cui è occupato nelle attività di formazione.

Il bonus consente di sostenere la formazione dei dipendenti sulle tecnologie presenti nel Piano Nazionale Industria 4.0. L’agevolazione è diretta solo ai i corsi di specializzazione e di perfezionamento avente una durata di almeno sei mesi.

Attività formative di alto livello professionale

Le attività di formazione di alto livello riguardano i “corsi di specializzazione e di perfezionamento” di durata non inferiore a sei mesi, svolti in Italia o all’estero, negli ambiti legati allo sviluppo di nuove tecnologie e all’approfondimento delle conoscenze delle tecnologie previste dal Piano nazionale industria 4.0.

Nel dettaglio le attività formative dovranno riguardare:

– big data e analisi dei dati;

– cloud e fog computing;

– sicurezza cibernetica;

– sistemi cyberfisici;

– prototipazione rapida;

– sistemi di visualizzazione e realtà aumentata;

– robotica avanzata e collaborativa;

– interfaccia uomo macchina;

– manifattura additiva;

– internet delle cose e delle macchine;

– integrazione digitale dei processi aziendali.

Beneficiari

I beneficiari dell’agevolazione sono tutte le imprese residenti nel territorio dello Stato, incluse le stabili organizzazioni di soggetti non residenti, indipendentemente dalla forma giuridica, dalla dimensione aziendale e dal settore economico in cui operano.

Spese ammissibili

Sono ammissibili al credito d’imposta le seguenti spese:

– spese di personale relative ai formatori per le ore di partecipazione alla formazione;

– costi di esercizio relativi a formatori e partecipanti alla formazione direttamente connessi al progetto di formazione, quali le spese di viaggio, i materiali e le forniture con attinenza diretta al progetto, l’ammortamento degli strumenti e delle attrezzature per la quota da riferire al loro uso esclusivo per il progetto di formazione. Sono escluse le spese di alloggio, ad eccezione delle spese di alloggio minime necessarie per i partecipanti che sono lavoratori con disabilità;

– costi dei servizi di consulenza connessi al progetto di formazione;

– spese di personale relative ai partecipanti alla formazione e le spese generali indirette (spese amministrative, locazione, spese generali) per le ore durante le quali i partecipanti hanno seguito la formazione.

Utilizzo ed accesso al bonus

Il nuovo bonus non concorre alla formazione del reddito, né della base imponibile IRAP. Il credito d’imposta deve essere indicato nella dichiarazione dei redditi relativa al periodo d’imposta in cui sono state sostenute le spese e in quelle relative ai periodi d’imposta successivi fino a quando se ne conclude l’utilizzo.

Il credito è utilizzabile, esclusivamente in compensazione, a decorrere dal periodo d’imposta successivo a quello di sostenimento delle spese ammissibili, presentando il modello F24 attraverso i servizi telematici messi a disposizione dall’Agenzia delle Entrate. Il credito d’imposta andrà calcolato sul costo aziendale del dipendente, per il periodo in cui è occupato nelle attività di formazione.

Disposizioni attuative

In ogni caso, per conoscere le caratteristiche operative dell’agevolazione del bonus formazione Industria 4.0 bisognerà attendere un decreto del MISE. Tale agevolazione si applica nei limiti previsti dal regime “de minimis”.

Per ricevere maggiori informazioni su questa notizia, compila il modulo sottostante



    Con l'invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati unicamente per la richiesta in oggetto. Consenso esplicito secondo il GDPR 679-2016.

    Altri articoli

    AGEVOLAZIONI | 5 Giugno 2024

    Transizione 5.0: Torna il Bonus Formazione per i Dipendenti nel 2024 e 2025

    Accesso più semplice fino al 31 dicembre alla sospensione. Grazie alla riattivazione della disciplina derogatoria ad opera del decreto Sostegni bis...

    di Studio GV Consulting
    AGEVOLAZIONI | 20 Giugno 2023

    Rottamazione Quater: Invito alla manifestazione di interesse da parte dei Clienti

    Accesso più semplice fino al 31 dicembre alla sospensione. Grazie alla riattivazione della disciplina derogatoria ad opera del decreto Sostegni bis...

    di Studio GV Consulting
    AGEVOLAZIONI | 20 Aprile 2023

    Rottamazione Quater: Invito alla manifestazione di interesse da parte dei Clienti

    Accesso più semplice fino al 31 dicembre alla sospensione. Grazie alla riattivazione della disciplina derogatoria ad opera del decreto Sostegni bis...

    di Studio GV Consulting
    AGEVOLAZIONI | 9 Marzo 2023

    Welfare aziendale o Fringe benefit: cosa conveniente di più alle aziende con dipendenti?

    Accesso più semplice fino al 31 dicembre alla sospensione. Grazie alla riattivazione della disciplina derogatoria ad opera del decreto Sostegni bis...

    di Studio GV Consulting
    AGEVOLAZIONI | 9 Marzo 2023

    Aiuti da Simest alle imprese esportatrici colpite dalla crisi Ucraina

    Accesso più semplice fino al 31 dicembre alla sospensione. Grazie alla riattivazione della disciplina derogatoria ad opera del decreto Sostegni bis...

    di Studio GV Consulting
    Condividi sui social